Promote Home2021-10-05T09:29:29+02:00
SOSTIENICI
ISCRIVITI
1408, 2022

Agosto 1861/2022. Eccidio di Pontelandolfo e Casalduni: altre fonti e altre verità

By |Agosto 14th, 2022|

Il nostro modo di celebrare la memoria storica è, come al solito, la ricerca. E così, per i 161 anni dell’eccidio di Pontelandolfo e Casalduni, vi riporto un passaggio del mio prossimo libro dedicato ai “falsi del risorgimento” in uscita per il prossimo autunno. Da tempo alcuni intellettuali vorrebbero (inutilmente) ridimensionare la portata di quei fatti drammatici avvenuti nell’agosto del 1861. “Propaganda neoborbonica” […]

908, 2022

Marcinelle e gli emigranti dimenticati di ieri e di oggi

By |Agosto 9th, 2022|

Anni fa una mia amica docente universitaria americana mi chiedeva come mai nei nostri libri di scuola sia dedicato cosi poco spazio alla storia dei nostri emigranti in particolare meridionali (al contrario di quanto accade nei libri americani). La risposta in fondo è semplice: le classi dirigenti del Nord come del Sud sono state e sono responsabili della questione meridionale e dell’emigrazione, due […]

508, 2022

Napoli-Portici: ancora “un giocattolo del re”? Ancora la Treccani?

By |Agosto 5th, 2022|

Per la Treccani (sì, ancora lei!), la prima ferrovia italiana, la Napoli-Portici, era un “giocattolo e un abbellimento della corte borbonica”. Ci sorprende ancora una volta la superficialità della famosa enciclopedia quando parla di Napoli e del Sud. Al di là della logica illogica con un re che avrebbe speso miliardi per salutare per gioco i suoi sudditi da un trenino, nella relazione […]

208, 2022

Matteotti tra ignoranza e orgoglio veneto: e noi del Sud?

By |Agosto 2nd, 2022|

Un consigliere comunale di Treviso (tale Torresan) ha chiesto di cambiare il nome di una strada dedicata a Matteotti con un nome legato alla “trevigianità”. Scoppia uno scandalo in tutta l’Italia (ha dichiarato anche di “non sapere chi sia Matteotti”). È una vergogna questa richiesta ed è una vergogna anche questa ignoranza. Ma, per quello che riguarda noi e il Sud, questo episodio […]

2107, 2022

Draghi, gli alberghieri e Massa Lubrense nello (strano) pensiero di Concita De Gregorio

By |Luglio 21st, 2022|

Poche ore fa le dichiarazioni della giornalista Concita (impegnata con Repubblica, La7 e Unità nel complicato periodo dei fallimenti): “Draghi aveva il tono di uno che, titolare di cattedra ad Harvard, è stato incaricato di una supplenza all’alberghiero di Massa Lubrense”. Ora arriveranno scuse e chiatimenti (non sono razzista, non volevo discriminare e insultare, amo Massa Lubrense, ho pure tanti amici sorrentini e […]

1807, 2022

Un regalo prezioso per i nostri lettori grazie a Maria Franchini: la storia di Napoli scaricabile gratuitamente

By |Luglio 18th, 2022|

Maria Franchini, napoletana di nascita, francese di adozione, è una studiosa appassionata e rigorosa della storia di Napoli e del Sud. È autrice di diversi saggi e, tra essi, una splendida guida insieme a Valerio Ceva Grimaldi per le edizioni Jonglez (“Campania insolita e segreta”). Cura anche una seguitissima e interessantissima pagina Facebook (“Napoli e il Sud, Maria Franchini racconta”). In questa occasione […]

Un regalo prezioso per i nostri lettori grazie a Maria Franchini: la storia di Napoli scaricabile gratuitamente

Maria Franchini, napoletana di nascita, francese di adozione, è una studiosa appassionata e rigorosa della storia di Napoli e del Sud. È autrice di diversi […]

News in Primo Piano

Archivio delle notizie storiche e delle attività del Movimento Neoborbonico dal 1993 al 2019.

VEDI SITO VECCHIO

Ascolta l’inno del Regno delle due Sicilie

TESTO DELL’INNO

Perché Neoborbonici?

Il Movimento Neoborbonico è un movimento culturale che nasce per ricostruire la storia del Sud e con essa l’orgoglio di essere meridionali.
Le bandiere del Regno delle Due Sicilie, i gigli d’oro borbonici, le coccarde rosse dei briganti, o l’inno nazionale di Paisiello sono il supporto culturale di tutte le azioni del Movimento: potevamo definirci neogreci, neoaragonesi, ma ci siamo definiti neoborbonici perché con i Borbone, per l’ultima volta, i Meridionali sono stati un popolo amato, rispettato e temuto in tutto il mondo…

LEGGI DI PIù

I Nostri Siti Amici

Torna in cima